sabato 12 luglio 2014

15 LUGLIO, CLAUDIO AVEVA APPENA COMPIUTO VENT'ANNI...

                               15 LUGLIO 1895-2014



IN OCCASIONE DEL 119° ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI CLAUDIO PRISCO PUBBLICHIAMO QUESTO PICCOLO OMAGGIO AL RICORDO DI UN ALTRO FIGLIO DI TORRE ANNUNZIATA IMMOLATOSI GIOVANISSIMO ALLA PATRIA, NEL 1915,  IN QUELLA TERRIBILE TRAGEDIA CHIAMATA PRIMA GUERRA MONDIALE.
CON QUESTI RICORDI DEDICATI AI NOSTRI UOMINI, MORTI IN CIRCOSTANTE EROICHE, VOGLIAMO RICORDARE E RACCONTARE TUTTO QUELLO CHE SIAMO RIUSCITI A RECUPERARE TRA I VARI RICORDI CONSERVATI TRA I LIBRI E GLI ARCHIVI, AFFINCHE' RESTI VIVA L'IMMAGINE E LE GESTA DI MIGLIAIA DI UOMINI IMPEGNATI IN QUELLA CHE , PROBABILMENTE, E' STATA LA PIÙ GRANDE CATASTROFE DELLA STORIA DELL'UMANITÀ.

 CLAUDIO ATTILIO PRISCO, QUESTO IL SUO NOME COMPLETO DICHIARATO ALL'ANAGRAFE, NACQUE IL
15 LUGLIO 1895, IN UNA ABITAZIONE DI VIA DEL POPOLO, LA STRADA PRINCIPALE TORRESE, 




L'ATTUALE CORSO VITTORIO EMANUELE III. 
I GENITORI ERANO DOMENICO PRISCO, IMPIEGATO QUARANTADUENNE MENTRE LA MADRE ERA ERNESTA BONIFACIO.
 L'ATTO DI NASCITA VENNE REDATTO DUE GIORNI DOPO LA NASCITA, OSSIA IL 17 LUGLIO 1895.



PARTICOLARE CURIOSO DA NOTARE SUL REGISTRO, IN UN PRIMO MOMENTO VENNE INDICATO IL NOME COMPLETO IN TARQUINIO CLAUDIO ATTILIO PRISCO SALVO POI RIPENSARCI E INSERIRE SOLTANTO CLAUDIO ATTILIO.
LA GIOVANE VITA DI CLAUDIO INTRAPRESE SUBITO LA STRADA MILITARE CON L'ISCRIZIONE ALLA SCUOLA  "LA NUNZIATELLA " DI NAPOLI CHE PERCOSSE CON OTTIMI RISULTATI.APPENA CONSEGUITA LA MATURITÀ VENNE INSERITO, COME ALLIEVO UFFICIALE , NEL 30° FANTERIA.
CON IL GRADO DI SOTTOTENENTE  PRESE IL SUO RUOLO NELL'INIZIO DELLA GUERRA NEL 1915.
IN QUEI GIORNI , L'INIZIO DELLE OSTILITA', MOSSE SULL'ALTOPIANO CARSO MIGLIAIA DI GIOVANI ITALIANI  CHE SACRIFICARONO LA LORO VITA IN UNO SLANCIO DI GENEROSITÀ ENCOMIABILE.
CLAUDIO ERA LI , ASSIEME AD ALTRI CENTINAIA DI RAGAZZI TORRESI, A COMBATTERE IN NOME DI UNA PATRIA E DI UNA FEDE CHIAMATA ITALIA
IL MONTE SEI BUSI ERA L'AVAMPOSTO DEL GROSSO DELLA FANTERIA ITALIANA, DA META' OTTOBRE INIZIO' LA TERZA BATTAGLIA DELL'ISONZO CON IL 15° FANTERIA , DOVE ERA CONFLUITA LA COMPAGNIA DI  CLAUDIO.
IN UNO SLANCIO CORAGGIOSO ED EROICO, ALLA TESTA DEI SUOI UOMINI, CLAUDIO  VENNE COLPITO MENTRE INIZIAVA L'ASSALTO ALLE POSTAZIONI NEMICHE NELLA GIORNATA DEL 21 OTTOBRE DEL 1915.

 





AVEVA APPENA VENTI ANNI.

CON DECRETO DEL 23 MARZO DEL 1919, VENNE CONFERITA ALLA SUA MEMORIA LA MEDAGLIA D'ARGENTO AL VALOR MILITARE.
ECCO LA MOTIVAZIONE : 
"AL SOTTOTENENTE DEL 15° REGGIMENTO FANTERIA PRISCO CLAUDIO DI TORRE ANNUNZIATA (NAPOLI).
ALLA TESTA DEL PROPRIO REPARTO, DANDO MIRABILE ESEMPIO DI CORAGGIO, SI SLANCIAVA ALL'ASSALTO DI UNA TRINCEA NEMICA.
PENETRATOVI PER PRIMO, VENNE COLPITO A BRUCIAPELO E VI INCONTRAVA GLORIOSA MORTE
MONTE SEI BUSI 21 OTTOBRE 1915"
TORRE ANNUNZIATA VOLLE ONORARE E RICORDARE LA MEMORIA DEL GIOVANE FIGLIO CON LA  DENOMINAZIONE DI UNA STRADA CHE PORTASSE IL SUO NOME. LA STRADA SCELTA FU' QUELLA CHE IN CITTÀ ERA CHIAMATA VIA PASTORE ORIENTALE, IL 26 MARZO DEL 1961, NELLA SEDUTA DELLA COMMISSIONE CONSILIARE  PER LA TOPONOMASTICA LA STRADA VENNE AGGIORNATA IN VIA CLAUDIO PRISCO.

A MARGINE DI QUESTO RACCONTO VOGLIO INSERIRE UN PAIO DI  CONSIDERAZIONI:

1) FORSE , PER ONORARE AL MEGLIO LE NUMEROSISSIME VITTIME DELLA 1° GUERRA MONDIALE DEL 1915-18, SAREBBE STATO OPPORTUNO INTITOLARE UNA STRADA PRINCIPALE,  (PER ESEMPIO, CORSO VITTORIO EMANUELE III),  AGLI OLTRE 500 FIGLI TORRESI SACRIFICATI IN NOME DELLA PATRIA NELL'ASSURDA E CATASTROFICA GUERRA.
2)  TROVO, IN GENERALE, CHE IL CARTELLO CHE INDICA LA STRADA IN QUESTO NOME SIA ASSOLUTAMENTE INUTILE E PERFINO OFFENSIVO TALVOLTA PER LA MEMORIA DEL PERSONAGGIO A CUI E' RIFERITO.
BASTEREBBE POCO PER MIGLIORARLO, CON ALMENO LE INDICAZIONI MINIME CHE SERVANO A RICONOSCERE E A FAR RICORDARE AI POSTERI  PERCHÉ QUELLA TALE STRADA E' STATA INTITOLATA A QUEL TALE PERSONAGGIO. 

UNA CITTÀ COME LA NOSTRA AVREBBE POTUTO FARE DI PIÙ E MEGLIO!

MA TANT'È....





giovedì 3 luglio 2014

4 LUGLIO 1936, IL GIORNO DELLA SCOMPARSA DELL'AVVOCATO AMICO DI TUTTI...

                                                   4 LUGLIO 1936-2014


LA STRADA CHE DA PIAZZA IMBRIANI , "MIEZ A CENTRAL", PORTA ALLA STAZIONE FERROVIARIA DI TORRE CENTRALE VENNE DENOMINATA "VIALE FRANCESCO MANFREDI"  L'OTTO GENNAIO DEL 1948 CON UNA DELIBERA VOTATA DAL CONSIGLIO COMUNALE CON A CAPO IL SINDACO PASQUALE MONACO, ELETTO SEI MESI PRIMA ALLE ELEZIONI COMUNALI NELLA LISTA DI SINISTRA.
MA CHI ERA FRANCESCO MANFREDI?
NATO A TORRE ANNUNZIATA IL 29 GIUGNO 1885, REPUBBLICANO, AVVOCATO PENALISTA E PATROCINATORE IN CASSAZIONE, RESPINSE SEMPRE LE RICHIESTE DEL PARTITO FASCISTA DI ISCRIVERSI NELLA LORO LISTA E PER QUESTO SUBI' CONSEGUENZE DURISSIME IN QUANTO GLI VENNE PERFINO DISTRUTTO LO STUDIO PROFESSIONALE CHE AVEVA IMPIANTATO A NAPOLI.
EBBE GRANDE SENSO DI ATTACCAMENTO E DI AMORE VERSO TORRE ANNUNZIATA.
AIUTO' TANTA GENTE IN DIFFICOLTA METTENDOSI A DISPOSIZIONE OFFRENDO IL SUO LAVORO  GRATUITAMENTE IN DIVERSE CAUSE.
MORI' IL 4 LUGLIO DEL 1936, NEL CIMITERO DI TORRE ANNUNZIATA VENNE ERETTO UN BEL BUSTO CHE RICORDA AI POSTERI LA SUA OPERA E LA SUA MEMORIA.
"VISSE SOGNANDO UN MONDO MIGLIORE NEL QUALE TRIONFASSERO LE VIRTU' SUL VIZIO , IL MERITO SULLA FORTUNA, E DOVE L'UOMO SERBASSE CARATTERE E COSCIENZA DANTESCA".   
 

martedì 1 luglio 2014

3 LUGLIO 1969 -ARRIVA A TORRE LA CAROVANA DEL CANTAGIRO, NON SONO TUTTE ROSE E FIORI...

                                   3 LUGLIO 1969

SONO PASSATI 45 ANNI DA QUEL 3 LUGLIO DEL 1969 IN CUI TORRE ANNUNZIATA OSPITAVA L'OTTAVA TAPPA DEL CANTAGIRO, GARA CANORA ITINERANTE  CHE SI CONCLUSE IL 13 LUGLIO A RECOARO TERME.
VINCITORE FINALE , MASSIMO RANIERI CON "ROSE ROSSE", CON SOLO TRE VOTI  DI VANTAGGIO SU "VISO D'ANGELO"  DEI CAMALEONTI.

NEI LINK A SEGUIRE ,
  1. "ROSE ROSSE" CANTATA A CANZONISSIMA NEL 69
  2. "VISO D'ANGELO " ANCH'ESSA IN UN VIDEO DEL 69.
  3. ARTICOLO DE "LA STAMPA" SULL'ARRIVO DELLA CAROVANA DEL CANTAGIRO A TORRE ANNUNZIATA
  4. ARTICOLO DE "LA STAMPA" SULL'ARRIVO DELLA CAROVANA DEL CANTAGIRO A TORRE ANNUNZIATA (in questo articolo notizie relative a contestazioni e arresti eseguiti dalla forza pubblica) 
  5. ARTICOLI IN RETE RELATIVI AI RICORDI DI QUELLA EDIZIONE DEL CANTAGIRO DEL 1969



"...oggi parliamo del 33 giri della CGD legato al Cantagiro del 1969, che ha inserito nel titolo anche la canzone “Casatschok” che di quella manifestazione era stato uno dei maggiori successi, interpretato da Dori Ghezzi che però incideva per la Durium: quindi qui viene riproposta da Rika Zarai, cantante israeliana che oggi fa la scrittrice, e che del resto aveva lanciato in Francia questo brano, ricalcato sulla canzone russa “Katyusha” di Matvey Blanter (che non è citato tra gli autori in questa antologia). Le altre canzoni sono presenti nella versione originale, cioè quella presentata al Cantagiro: vi è anche una canzone di Dorelli, “Addio”, che non mi risulta essere tra quelle partecipanti quell'anno alla manifestazione. Sicuramente le canzoni più note sono “Rose rosse” e “Viso d'angelo”, oltre a “Grazie dei fiori”, incisa da Paolo Simone in una versione sinceramente trascurabile; Marcella, quasi agli esordi, con “Il pagliaccio” (cover di una canzone tedesca intitolata “Sì sì signorina”, incisa anche dalla Caselli) passa inosservata, in attesa dell'exploit di “Montagne verdi”. Curiosamente in questa edizione del Cantagiro sono presenti gli Anonima Sound, con Ivan Graziani alla voce solista, e i Baci, con alla batteria Gilberto Rossi detto “Attila” che, pochi anni dopo, diventerà il batterista “storico” di Ivan Graziani. Apro una parentesi raccontando una cosa (su cui però, ovviamente, non ho nessuna prova): tanti anni fa parlando con Ivan Graziani dopo un concerto e chiedendogli come mai nell'album “Parla tu” la canzone omonima aveva anche la sua firma mentre nel 45 giri originale no, il cantautore mi aveva detto che, in realtà, il repertorio dell'Anonima Sound era praticamente tutto scritto da lui, con qualche contributo minimo di Gualazzi e Monacchi, ma che non le aveva potute depositare perchè non era ancora iscritto alla SIAE. Provate ad ascoltare “Josephine”: vengono in effetti in mente i tanti ritratti femminili che Graziani dipingerà in seguito (la canzone, peraltro, non risulta depositata in SIAE). Brave Giuliana Valci (che esegue una cover di “Les roses du Brouillard”) e Paola Musiani, e bella la canzone dei Profeti, “La mia voce”, in cui si riconosce lo stile personale del grande Totò Savio, mentre mi pare decisamente sottotono la Caselli con “Emanuel”, nonostante gli acuti, o meglio i tentativi di acuti (direi che la Caselli comincia qui la sua parabola discendente). LATO A 1) Caterina Caselli – Emanuel (Daniele Pace-Mario Panzeri-Lorenzo Pilat) 2) Anonima Sound – Josephine (Herbert Pagani-Enzo Bonagura) 3) Giuliana Valci – Le rose nella nebbia (Claudio Daiano-Guy Dubeau-Pascal Auriat ) 4) I Baci – Il successo della vita (Luciano Beretta-Claudio Cavallaro) 5) Paolo Simone – Grazie dei fiori (Mario Panzeri-Giancarlo Testoni-Saverio Seracini) 6) Marcella - Il pagliaccio (Mogol-Ralph Dokin-Günter Loose) LATO B 1) Rika Zarai – Casatschok (Giancarlo Guardabassi-Danilo Alberto Ciotti-Boris Rubaschkin-Tony Perdone) 2) I Profeti – La mia voce (Daniele Pace-Totò Savio) 3) Paola Musiani – Deserto (Giancarlo Bigazzi-Claudio Cavallaro) 4) Johnny Dorelli – Addio (Giancarlo Bigazzi-Claudio Cavallaro) 5) Massimo Ranieri – Rose rosse (Giancarlo Bigazzi-Enrico Polito) 6) I Camaleonti – Viso d’angelo (Daniele Pace-Mario Panzeri-Flavio Carraresi-Elio Isola)." Il negozio di Euterpe:


"Nel 1969 presentano Dany Paris, Nuccio Costa e Johnny Dorelli, si parte il 26 giugno ad Alessandria, la tappa finale è il 12 luglio a Recoaro Terme, fra i cantanti in gara I Camaleonti, Lucio Battisti, Equipe 84, Mal, Dori Ghezzi, vince il girone A Massimo Ranieri (Rose rosse), il girone B va a Rossano con Ti voglio tanto bene, si afferma Marcella Bella. La novità di questa edizione è una sezione folk senza gara ma che presenta un interessante cast: Bruno Lauzi con Arrivano i cinesi, Cochi e Renato con Un pezzo di pane, Gabriella Ferri con E' scesa ormai la sera, Giorgio Gaber con Il Riccardo, Pippo Franco con La licantropia, Matteo Salvatore e Adriana Doriani con Lusoprastante, Ugolino con Ma che bella giornata, Lino Toffolo con Oh Ninae. Fra gli altri cantanti in gara Ivan Graziani (leader del gruppo urbinate Anonima Sound), I Rokes, Mal, Michele, Mino Reitano, Gian Pieretti, Giuliana Valci, Iva Zanicchi, Junior Magli, Nicola Di Bari. E, fra i giovani del girone B, Marcella, Gianni Nazzaro, I Gens, Paola Musiani, Pascal, I Moowns. E c'è anche Herbert Pagani, ma non come cantante, bensì come intrattenitore-riscaldapubblico-guastatatore."storiaradiotv.it/CANTAGIRO.htm